Giornate del donatore e chiesa

Le giornate del donatore sono tendenzialmente strutturate con ritrovo, corteo, messa, discorsi. La cosa che preferisco è quando si inizia dalla messa, in questo modo chi non vi partecipa può arrivare subito dopo e partecipare così a buona parte della giornata. Quello che detesto invece è quando si partecipa alle giornate altrui con il labaro e quindi lo si deve portere in chiesa e sorreggere. Quindi bisogna stare li, ascoltarsi uno che ti fa una predica alla disobbedienza civile e standosene zitti (sennò che scambio culturale sarebbe..). E sono discorsi che toccano sempre la coscenza, perché al donatore aconfessionale a sentirsi coinvolto in una testimonianza confessionale si sente calpestato nelle proprie convinzioni.

Certe volte mi verrebbe da prendere ed andarmene, come faccio durante i discorsi delle autorità che fanno campagna elettorale alle nostre feste, parlando di tutt’altro che della donazione. Mi riferisco a certi discorsi di tipo “culturale” (anche se io non dono quelli che vengono da noi dovebbero imparare la nostra cultura..).

E dunque arrivati a questo punto del discorso, la domanda è: ma come se ne può uscire da questo problema?
Mi porto una radiolina per non sentire uomini (presuntuosi) che proclamano la “parola di Dio”?
Mollo il labaro a qualcun altro per la funzione religiosa?
Rinuncio, per motivi religiosi, a fare qualcosa per l’associazione?

O qualcun altro mi chiederà un giorno di andare con il labaro alla manifestazione del partito di maggioranza, visto che siamo sia aconfessionali che apartitici?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Connect with Facebook

Post comment

Che cos'è Persona?